Produzione

70 ettari di vigneti nelle migliori zone vinicole dell’Umbria, esclusivamente nei territori vocati DOCG e DOC di Torgiano e Montefalco
Grande cura e attenzione viene data alla coltura dei vigneti con metodi tradizionali, affiancata da innovazioni tecnologiche focalizzate al contenimento della produzione, al rispetto dell’ambiente e al disciplinare di produzione integrata.
La riduzione di solfiti permessa dall’uso di coadiuvanti di origine naturale e da tecniche enologiche specifiche, l’utilizzo, per alcune vini, di tappi di origine 100% naturale, l’autonomia di energia elettrica proveniente da fonti rinnovabili, la collaborazione con partner per il riciclo e smaltimento dei rifiuti fanno dell’eco-sostenibilità il nostro focus.
Questa politica aziendale, insieme all’accurata selezione delle uve, l’attenzione nelle fasi delicate della vinificazione e dell’imbottigliamento, la professionalità dei nostri collaboratori permette di ottenere prodotti di alta qualità, espressa dalla linea Viticoltori Broccatelli Galli.

Il Territorio di Torgiano

A Torgiano, la nostra azienda agricola si estende su una superficie di circa 40 ettari
Un’antica casa colonica, recentemente ristrutturata, sembra un faro da cui si irradiano i raggi del sole che vanno ad addolcire le splendide vigne impiantate a cordone speronato e a palmetta.
In questa tenuta coltiviamo il Grechetto, vitigno autoctono umbro, insieme al Pinot Grigio, lo Chardonnay, il Riesling, il Trebbiano, il Cabernet Sauvignon, il Merlot, il Canaiolo e il Sangiovese, principale varietà della denominazione di Torgiano.

In questa zona viene prodotto anche il vino più importante, il Torgiano Rosso Riserva DOCG, l’unica DOCG dell'Umbria insieme al Sagrantino.

Il Territorio di Montefalco

La nostra azienda nel territorio di Montefalco, invece, occupa una superficie di circa 30 ettari
Qui si trova un antico convento che sembra garantire la fertilità delle vigne allevate anch’esse a cordone speronato e a palmetta.
Queste colline sono il territorio idoneo per il Merlot, il Cabernet Sauvignon, il Sangiovese e l’unico vitigno autoctono, il Sagrantino.
In questa zona poniamo massima cura e attenzione al contenimento della produzione che non supera i 50 quintali per ettaro.